Lettera Pastorale S.E. Fabio Bernardo D’Onorio

LA PACE DI CRISTO SIA CON VOI!

Lettera pastorale alla Chiesa di Dio che è in Gaeta

Carissimi Sacerdoti, Diaconi, Seminaristi, Religiosi e Religiose, Associazioni
e Movimenti, Fedeli tutti, cristiane e cristiani della nostra amata
Arcidiocesi,
due grandi eventi di Chiesa hanno segnato e sparso semi di speranza
nella nostra Comunità ecclesiale: il Sinodo Diocesano e la riapertura
della nostra Basilica Cattedrale, casa madre e casa comune di tutti i fedeli
dell’Arcidiocesi.
Si sta per aprire ora un terzo importate evento diocesano. Come già
preannunziato in varie occasioni, con la celebrazione della Dedicazione
della Basilica Cattedrale è stata aperta canonicamente la Visita Pastorale
alle Comunità parrocchiali dell’intera Arcidiocesi per tutto il tempo che il
Signore vorrà che ancora rimanga con voi: è motivo di gioia e di consolazione
terminare il mio ministero di Pastore proprio in mezzo ai carissimi
Sacerdoti e fedeli.

Visita Pastorale di ascolto

“La Pace di Cristo sia con voi” è il motto con il quale mi presento
a voi nella Visita Pastorale, e vuol essere soprattutto un augurio affinché
la pace che viene da Cristo abbondi sulle Comunità ecclesiali, sulle Famiglie,
su tutti i singoli componenti della nostra Chiesa, specialmente i vostri
Pastori.
Ancora una volta la Chiesa gaetana, attraverso la mia presenza nelle
Parrocchie, si vuol mettere in ascolto di ognuno di voi, interrogando con
più attenzione le comunità, i gruppi e i singoli, i preti, i religiosi, i laici e
soprattutto i giovani così da avere suggerimenti e nuove idee perché sempre
più autenticamente possa essere annunziato il Vangelo di Gesù.
Collocandoci tutti nella via dell’ascolto reciproco, veniamo a porci
nel solco dell’originaria e amorosa iniziativa di Dio che trasforma ogni incontro
rendendolo fraterno e arricchente. Così, quasi senza accorgerci, ci
incamminiamo per il sentiero percorso da Maria di Nazaret, creatura
dell’ascolto: l’annunciazione ce la presenta come donna “in ascolto”, condizione
esistenziale di fondo che le permette di realizzare il progetto di
Dio nella sua vita. I credenti sono per essenza gli “uditori della Parola”
(Karl Rahner), “quelli che mettono in pratica la parola e non soltanto ascoltatori”.
Solo chi sa ascoltare, è fecondo e genera opere buone.

Visita Pastorale di incoraggiamento e di verifica

È solo attraverso la sua ricezione che un Sinodo diocesano diviene
efficace, producendo il suo effetto sulla vita della Chiesa locale. Altrimenti,
il suo insegnamento rimane un testo inerte, per non dire lettera morta.
Un Sinodo che non sia recepito è un Sinodo che rimane senza effetto, osservava
già il grande teologo Congar. Nella ricezione delle norme e indicazioni,
il nostro Sinodo diocesano diventerà quasi come la carne nelle
nostre comunità parrocchiali, realizzandosi particolarmente attraverso le
molteplici iniziative pastorali.
Il mio permanere in ogni comunità parrocchiale vorrà anche aiutare
a scoprire nella realtà locale i tre ambiti che qualificano la vita ecclesiale
locale, quali l’annuncio della Parola di Dio, la Liturgia, la Carità, evocando
in modo particolare l’importanza dell’antica massima lex orandi lex
credendi (Prospero di Aquitania): la nostra preghiera è pura rivelazione
della sostanza della nostra fede.
Nella pratica liturgica si ricordi che le diverse celebrazioni hanno da
essere sempre dignitose e composte con la partecipazione di tutta l’assemblea,
sia nelle preghiere che nel canto con un cuore solo e una voce sola.
Tale partecipazione realizza il coro quando aiuta l’assemblea con un canto
unanime, non con esecuzioni “a solo” o quasi private. Come pure la lettura della Sacra Scrittura deve essere accompagnata dalla preghiera, affinchè
si stabilisca un dialogo tra Dio e l’uomo: “Quando preghiamo parliamo
con lui; lui ascoltiamo quando ascoltiamo gli ammaestramenti divini”
(sant’Ambrogio). Con questo stile Gesù pregava il Padre. Dallo stile di
Lui hanno imparato a pregare i suoi Apostoli e ogni suo discepolo “sicut
ipse Christus… ita eius discipuli”. Sia allora l’atteggiamento e la pratica di
Cristo Gesù a guidare e ispirare quelli dei suoi discepoli.
I Consigli pastorali parrocchiali e i Consigli per gli Affari economici
siano davvero operativi e collaborino alla corresponsabilità pastorale del
Parroco in modo che egli possa più dedicarsi al ministero della Penitenza
e alla Direzione spirituale.
Inoltre nella Visita alla Veneranda Chiesa di Gaeta, che vive attraverso
le sue diverse Comunità parrocchiali, vorrò toccare con mano i
molteplici elementi di criticità riconducibili a:
• disoccupazione e precarietà economica, soprattutto a livello giovanile;
• nuove forme di impoverimento delle classi sociali medie;
• crescita di conflittualità nelle nostre famiglie;
• crescente uso di droga;
• abuso di alcol anche in giovanissima età;
• forme esageratamente statiche di religiosità popolare, che resistono al
rinnovamento evangelico;
• scarsa partecipazione alla vita ecclesiale.

Visita Pastorale e attenzione alla famiglia

Sono sotto gli occhi di tutti le fragilità della famiglia nel nostro
tempo: i fallimenti sempre più frequenti potrebbero addirittura far pensare
che la famiglia sia in fase di declino ineludibile.
Ma la famiglia ci richiama ancora al “mistero grande” che essa racchiude,
alla realtà teologica che essa rappresenta. Gli sposi cristiani infatti
sono – per dirla con le parole del Vescovo Tonino Bello – un’icona vivente
della Trinità: attraverso la loro vita si può contemplare il volto di Dio e
comprendere di più chi è Dio e quale sia la sua natura profonda. Ogni famiglia
è in grado di esprimere quella ricchezza di amore che circola all’interno
della Trinità: è in grado di rendere presente sacramentalmente
l’amore di Dio nella storia degli uomini.
È una cosa stupenda! Dobbiamo guardare con questa fede alla famiglia,
intuendo il mistero profondo che c’è dentro ogni vicenda familiare:
un mistero spesso nascosto e reso indecifrabile dalla povertà umana,
ma comunque presente per la grazia di Dio. La famiglia è un segno che
Dio ha posto tra gli uomini per parlare di Sé attraverso una testimonianza
umana; è un dono che Dio suscita nella comunità per la crescita di tutti.

Credere nella famiglia

Possiamo ancora “credere nella famiglia” perché ogni storia di vero
amore è una storia abitata da Dio, è una “vera storia sacra”: Dio si è compromesso
con gli sposi nel sacramento e, dal momento che egli è un Dio
fedele, non li abbandona più, nemmeno quando la loro vicenda diventa
difficile, nemmeno quando incontra il fallimento umano di un progetto.
Allora nonostante impoverimenti e dissesti dobbiamo avere occhi
penetranti e capaci di riconoscere i segni della presenza e della salvezza di
Dio in ogni storia familiare. Corriamo tante volte il pericolo di credere
nelle famiglie solo se realizzano il “vangelo del matrimonio”. Invece siamo
mandati a tutte le famiglie, siamo chiamati a credere che in ogni persona
e in ogni famiglia c’è una scintilla del mistero di Dio, che si realizza al di
là della loro consapevolezza e della loro coscienza. La povertà e gli errori
umani non sono mai così gravi da essere irreparabili perché l’amore di
Dio è capace di trasformare persino la valle di Acor – che è la valle della
maledizione – in “Porta di Speranza” (cfr. Osea 2,17).
Maturare questa “fede nella famiglia” significa oggi considerare la
pastorale familiare una dimensione indispensabile per edificare una Chiesa
che, pure nell’esperienza della povertà e della precarietà, abbia il volto
di una famiglia, sogno sempre grande di Dio. Noi tutti Chiesa siamo chiamati da una parte a proporre il lieto annuncio di Dio sull’amore umano e sul progetto cristiano di famiglia;
dall’altra dobbiamo sforzarci ad accompagnare le persone nel loro cammino
per far scoprire sempre la luce del mistero di Dio che si fa carne e si
compromette in ogni storia umana.

Una Chiesa vicina alle famiglie

La Chiesa deve unire all’annuncio del Vangelo del matrimonio e della
famiglia una vicinanza vera e concreta: la sua azione pastorale deve rivolgersi
a tutte le coppie per essere loro vicine e così crescere insieme. L’orizzonte
è amplissimo, ma corrisponde alla realtà stessa della comunità cristiana, che
vive a contatto con tutte le famiglie e con le variegate situazioni nelle quali
oggi si vive la relazione uomo-donna. La comunità cristiana è chiamata a
creare incontri e rapporti, a dare affetto e amore: a questo tutti i credenti
possono contribuire, partendo dalla loro stessa esperienza. Al centro rimane
la “normalità della vita”, la proposta del matrimonio, l’educazione all’amore
con atteggiamenti che sanno chinarsi su ogni situazione di famiglia o su
chi, pur nella vedovanza, continua a vivere una forte comunione col proprio
coniuge, e non in ultimo sulle povertà materiali e morali, e sugli anziani.
Un accompagnamento particolare e delicato sia riservato ai giovani che
scoprono l’amore, che vogliono costruire un amore vero e che spesso fretta,
inesperienza e poca educazione sciupano, quel miracolo che è l’Amore con
la lettera maiuscolo, che solo Dio poteva inventare e donare all’umanità!

Ecco allora che la comunità cristiana si scopre famiglia di famiglie,
edificata dal ministero della vita che genera ed educa, sostenuta dal ministero
di santificazione e crescita degli sposi: la Chiesa vive tra le case e si
ritrova in tante chiese domestiche e si edifica con l’amore degli sposi, si illumina
degli occhi dei bambini, si sorregge dall’esperienza degli anziani:
con tutti condivide gioie e speranze, partecipa delle disgrazie e dei lutti, si
fa carico delle incomprensioni e separazioni perché per tutti vuole rimanere
sempre madre attenta, vigile e consolante.

Evangelizzare la famiglia per evangelizzare in famiglia

L’educazione alla vita di fede è una caratteristica peculiare della famiglia
cristiana. Evangelizzare il modo di vivere dei genitori significa, allora,
sostenerli nel loro ministero di evangelizzare i figli. Il risveglio della
fede dei genitori propizia il risveglio della fede dei figli attraverso la testimonianza
dei principi del Vangelo.
La catechesi per l’iniziazione cristiana, a partire da quella battesimale,
deve configurarsi sempre più come incontro salutare con i genitori,
con la famiglia e con quanti hanno cura del bambino che ancora viene
accompagnato in Parrocchia manifestando un atto di fiducia e il desiderio,
quanto meno, di un “bene” da accogliere. All’Ufficio Catechistico,
che ringrazio per il generoso lavoro profuso quest’anno incontrando e riprendendo
gli itinerari di formazione dei molti catechisti della nostra
Chiesa diocesana, il compito di curare questo aspetto fondamentale del ministero collaborando con l’Ufficio di pastorale familiare per una catechesi
sempre più integrata e rispondente a questo stile.

La ricchezza del Convegno diocesano

La grazia sovrabbondante che il Signore riversa sulla sua Chiesa è
presente in maniera speciale nella nostra Arcidiocesi. Nel Convegno dello
scorso giugno, arricchito dalla presenza del prof. Zamagni, sono state evidenziate
dai delegati delle varie Comunità e Aggregazioni laicali diversi
elementi di positività che caratterizzano il nostro territorio:
• il senso di appartenenza alla propria comunità;
• all’interno dei nuclei familiari l’attenzione e cura delle fasce più deboli,
come gli anziani e i disabili;
• il buon radicamento alle tradizioni, soprattutto verso quelle che hanno
saputo innovarsi e crescere;
• la parrocchia e le sue strutture come significativi punti di riferimento
e di aggregazione.
A partire dalle conclusioni elaborate nei gruppi di studio del Convegno
come Chiesa diocesana siamo oggi chiamati dal Signore:
• a tessere maggiori rapporti tra presbiteri e le famiglie;
• a valorizzare la Consulta per le aggregazioni laicali, per evitare frammentazioni
o doppioni;
• a vivere la sinodalità, come stile di lavoro comune;
• ad avere attenzione premurosa alle sofferenze delle persone.

Mete pastorali per il prossimo anno

Di seguito vorrei presentare alcune mete che sento di proporre alla
nostra amata Chiesa gaetana per il prossimo anno pastorale.
Preparazione alla vita matrimoniale.
All’Ufficio di pastorale familiare, che ringrazio per il generoso impegno
profuso in quest’ultimo anno, do incarico affinché, facendo
seguito alle richieste manifestate da diverse comunità parrocchiali e
rinnovate nel nostro Convegno diocesano dello scorso giugno, possa
essere elaborato uno strumento comune per i corsi di formazione
alla vita matrimoniale: tale itinerario potrà costituire un valido
aiuto per tutte le comunità e un segno del cammino unitario, che
nel Sinodo abbiamo auspicato.
Gruppi famiglie
In ogni comunità si costituiscano gruppi famiglie nei quali sperimentare
modalità nuove che possano meglio coniugare la necessaria
formazione e il servizio pastorale. In questo contesto un’attenzione
particolare dovrà essere rivolta alle famiglie in crisi: è ormai improrogabile
ripensare in maniera più organica la vicinanza alle situazioni
particolari dei battezzati separati, dei battezzati divorziati, dei
battezzati divorziati e risposati o conviventi, e alla più ampia condizione
delle persone battezzate che convivono. Anche per le famiglie
provenienti da altri Paesi non manchi una attenta cura pastorale.
Il Consultorio diocesano
La costituzione di un nuovo Consultorio diocesano è quanto mai
necessaria in quanto “segno pubblico della Chiesa e luogo nel quale,
in modo esplicito, la promozione e la salvaguardia dei valori del matrimonio,
della famiglia, della vita, della sessualità e dell’amore avvengono
conformemente alla fede e alla morale evangeliche, autenticamente
interpretate e proposte dal magistero della Chiesa” (DPF 251).
Il Consultorio costituisce una testimonianza originale e concreta
“che il messaggio cristiano non è contro l’uomo, ma per è per l’uomo,
per la sua vita, per il suo amore, nella pienezza della loro verità: la fede
cristiana, infatti, costituisce l’unica risposta pienamente valida ai
problemi e alle speranze che la vita pone ad ogni uomo, ed è fonte di
autentica felicità” (DPF 251). All’Ufficio di pastorale familiare affido
il compito di coordinare la costituzione e l’attività di questo importante
segno di speranza per la nostra Chiesa locale.
L’aiuto alle famiglie in difficoltà
L’Ufficio di Pastorale familiare abbia un’attenzione particolare nel
sostegno alle famiglie in difficoltà e in collaborazione con la nostra
Caritas diocesana metta in atto iniziative capaci di fornire loro sostegno
e speranza.

Tali mete pastorali potranno essere raggiunte imparando a valorizzare
le preziose risorse presenti nella nostra amata Arcidiocesi e nelle comunità
parrocchiali:
• i sacerdoti, le congregazioni religiose femminili e maschili, i diaconi
permanenti;
• il Consiglio pastorale diocesano e i Consigli pastorali parrocchiali;
• i componenti dei diversi Uffici e Servizi diocesani che stanno crescendo
nella collaborazione e nella comunione;
• gli operatori pastorali parrocchiali, lievito prezioso da condividere;
• le Aggregazioni laicali, con tutta la ricchezza della loro esperienza, carismi
e peculiarità;
• le tante persone di buona volontà, che aspettano il “sapore dell’invito”
per andare a lavorare nella vigna del Signore.
La realtà più importante di oggi è questa: non portiamo una perlina
in più, ma impariamo a dare importanza al filo assolutamente indispensabile
perché vi sia la collana stessa! Questo filo sorregge e valorizza anche
le perline scheggiate, quelle fragili o meno lucenti, perché tutti, come
perline, più o meno belle, siamo uniti e sostenuti da quel filo che è Cristo
Gesù.
La più bella, più esemplare e più santa tra le famiglie, ossia quella di
Gesù, Maria e Giuseppe risplenda sempre dinanzi ai nostri occhi, riscaldi
i nostri cuori e rafforzi i nostri propositi di volerla sempre più imitare.
Nel salutare voi tutti e ogni famiglia sentitemi vicino nella gioia e nei
momenti di difficoltà. Con ogni benedizione!

Gaeta, 1 ottobre 2014
Memoria di Santa Teresa di Gesù Bambino
+ Fabio Bernardo
Arcivescovo

I commenti sono chiusi